09
Mar
11
Mar
»

donne@uomini. it. La storia di genere nell’era digitale: fonti, narrazioni, rappresentazioni nei vecchi e nuovi media.

Piacenza, Giov, 09/03/2017 - Sab, 11/03/2017
Come possiamo in quanto formatori aiutare a superare stereotipi a sfondo sessuale e fenomeni di violenza sulle donne senza diventare pedanti, ripetitivi, infine astratti? Ce lo hanno chiesto molti insegnanti allarmati dai fatti di cronaca nera, da un certo clima sociale e politico e dalla potenza performativa dei nuovi media, oltre che dai cosiddetti “pericoli della rete”.
Fai click qui per scaricare la locandina.

donne@uomini.it
La storia di genere nell’era digitale: fonti, narrazioni,
rappresentazioni nei vecchi e nuovi media
5° Convegno nazionale
sull’insegnamento della storia nell’era digitale
Piacenza, 9 10 11 marzo 2017
Auditorium della Fondazione
via Santa Eufemia 12, Piacenza

e si avvale del patrocinio di
Il convegno si svolge con il sostegno e la collaborazione di
Immagine di copertina, Marcel Duchamp gioca a scacchi con
Eve Babitz, happening all’Art Museum di Pasadena, California,
1963. Foto di Julian Wasser.
Il Convegno costituisce lo sviluppo del Progetto “Pratiche e
pensieri di cittadinanza femminile”, ideato dall’Isrec-Istituto di
Storia Contemporanea di Piacenza in collaborazione con l’Associazione
“Arcobaleno” onlus (capofila) e il “Comitato Femminile
Plurale”, progetto che si è aggiudicato il sostegno della Regione
Emilia Romagna, partecipando al bando DGR 1988/2016: ASSEGNAZIONE
E CONCESSIONE CONTRIBUTI REGIONALI PER ATTIVITA’
RIVOLTE ALLA PROMOZIONE E AL CONSEGUIMENTO
DELLE PARI OPPORTUNITA’ E AL CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI
E DELLA VIOLENZA DI GENERE L.R. 6/2014 “ LEGGE
QUADRO PER LA PARITA’ E CONTRO LA DISCRIMINAZIONE
DI GENERE”
3
Introduzione alla quinta edizione del Convegno
Carla Antonini
direttrice isrec di Piacenza
Come possiamo in quanto formatori aiutare a superare
stereotipi a sfondo sessuale e fenomeni di violenza sulle
donne senza diventare pedanti, ripetitivi, infine astratti?
Ce lo hanno chiesto molti insegnanti allarmati dai fatti di
cronaca nera, da un certo clima sociale e politico e dalla
potenza performativa dei nuovi media, oltre che dai cosiddetti
“pericoli della rete”.
Per cercare risposte a tali domande, che sottendono inoltre
un obiettivo educativo di “cittadinanza”, è sorto il progetto
“Pratiche e pensieri di cittadinanza femminile”, ideato
dall’Isrec con le associazioni “Arcobaleno” e il Comitato
“Femminile plurale”.
Le volontarie di “Arcobaleno” si sono assunte il compito
di allestire laboratori di empowerment per “donne fragili”
nel dormitorio Sant’Anna di Piacenza e di organizzare una
formazione sulla “vulnerabilità femminile” per operatori
socio-sanitari. “Femminile plurale” ha allestito una mattinata
di studi per gli educatori” sugli “sprechi di infanzie”,
sulle trame del femminile nel mito e nella fiaba, per nutrire
pensieri metaforici, di speranza, dominare conflitti immaginari
e reali (Convegno Verso il possibile: educazione
alla cittadinanza. Costruire futuro con le parole, 25 marzo
2017).
Questo quinto appuntamento convegnistico, che dal 2013
incrocia storiografia, digital public history e didattica, costituisce
lo sviluppo del Progetto di “pratiche e pensieri”
traducendo la questione sopra esposta nei termini della
disciplina: come possono la storia e il suo insegnamento
contribuire a schiudere alle donne spazi concreti e simbolici
di agency, vale a dire di autonomia, capacità di resistere e
agire, e favorire relazioni produttive e armoniose tra i sessi?
Nasce così il Seminario che presentiamo: donne@uomini.
it. La storia di genere nell’era digitale: fonti, narrazioni, rappresentazioni
nei vecchi e nuovi media.
L’ambito di ricerche è quello della “storia delle donne” e/o
“storia di genere/dei generi”, denominata in un modo o
nell’altro a seconda degli orientamenti, dei tempi e delle
appartenenze geografiche delle interpreti.
I contributi del Convegno riguardano in sintesi tre aspetti:
4
i termini, la storiografia, le fonti e la produttività epistemologica
della categoria di genere per lo studio della storia
contemporanea; alcune rilevanze e narrazioni e loro utilizzabilità
didattica; la rappresentazione dei due generi nei
vecchi e nuovi media.
Senza voler sostituire o delegittimare altre e consolidate
ottiche di analisi (di classe, di etnia, di appartenenza religiosa;
la world history, etc.), vengono indagate la costruzione
storica delle relazioni di genere come relazioni di
potere e i meccanismi della definizione sociale e culturale
dei generi, così come l’origine delle narrazioni retoriche e
soprattutto mediali degli stessi ruoli sessuali.
Nata da un intenso dibattito teorico all’interno del movimento
delle donne, arricchita e legittimata dalle rivoluzioni
storiografiche dal secondo dopoguerra a oggi, la “storia di
genere” si è arricchita della feconda contaminazione con
le più diverse discipline per trovare fonti e chiavi interpretative
adeguate, concentrando in tal modo lo sguardo
non solo su “oggetti” e dinamiche in precedenza ritenuti
secondari e ininfluenti per comprendere i grandi processi
storici, ma allargandolo a tutto il vasto mondo delle manifestazioni
degli esseri, fatti di emozioni, paure, desideri.
Ci sembra con ciò che la produttività epistemologica della
categoria di genere – qui assunta senza entrare nel dibattito
sulla mobilità e malleabilità del concetto e dei suoi
confini identitari - non si manifesti unicamente facendo
uscire dall’ombra fenomeni ignorati dalla tradizionale storia
militare, economica, politica – fortemente caratterizzata
in senso virilista -, ma riveli scenari nuovi per la comprensione
delle dinamiche in quegli stessi settori. Infatti, interrogarsi
sul “genere della nazione, della cittadinanza, della
colonizzazione, del lavoro, delle migrazioni non comporta
soltanto l’osservazione dei posti occupati rispettivamente
dagli uomini e dalle donne, ma richiede anche l’analisi
dell’attribuzione di significati connessa alla divisione tra
maschile e femminile e delle modalità di costruzione di
rapporti sociali gerarchici”. (Françoise Thébaud, 2010)
Inoltre, se la storia del Novecento è anche storia dei mezzi
di comunicazione di massa – al contempo fonti e agenti di
storia -, è in particolare attraverso il loro studio che si possono
cogliere le dinamiche sociali della rappresentazione
dei sessi, i conflitti di potere e l’evoluzione dei rapporti reciproci:
diversi contributi degli esperti sono perciò dedicati
5
allo studio di come la fotografia, la televisione, il cinema, la
pubblicità propongano e infine stabiliscano nel corso del
tempo i caratteri del femminile e del maschile.
Il tema è reso ancor più complesso dalla pervasività dei
mezzi della contemporaneità telematica, per il costitutivo
intreccio tra i contenuti della comunicazione, che è rappresentazione
e autorappresentazione, e dei sofisticati e affascinanti
linguaggi della rete.
Ragazze e ragazzi, continuamente multi-connessi, in possesso
di devices vari e sempre più performativi, di applicazioni
potentissime che frantumano e ricreano mille altri
mondi non meno reali di quello vissuto materialmente,
non possono sfuggire all’influenza delle immagini create,
condivise, rilanciate dei social media, pena l’esclusione dal
mondo dei pari.
La rivoluzione digitale determina oggi la fruizione delle informazioni
e i modi di socializzare e costituisce il fulcro,
assai più delle tradizionali agenzie educative, della conoscenza
e dell’agire sociale di ogni individuo e in particolare
degli adolescenti e, perciò, del loro fragile processo di
soggettivazione. Le immagini della rete, fruite e agite in
un perturbante e pericoloso gioco di verità e finzione, di
vita e di retorica comunicativa e, soprattutto, la sostanziale
incompetenza delle regole di convivenza e coabitazione
nell’universo digitale, costituiscono aspetti problematici
ma ineludibili di ogni seria istanza educativa.
Infine, un sentito e non formale ringraziamento alle studiose
e agli studiosi che hanno accettato di confrontarsi con
i temi proposti, nella speranza comune che la divulgazione
della cultura storica possa aiutare Alice e i suoi giovani
amici ad attraversare senza troppo danno il “paese delle
meraviglie digitali” e a diventare donne e uomini più felici.
Piacenza, 9 febbraio 2017
6
Segreteria e reference: Iara Meloni e Barbara Spazzapan
Riprese e media: Alessandro Austoni, Diego Parenti, Igor
Pizzirusso.
Direzione: Carla Antonini
Servizio di catering a cura degli studenti dell’Istituto “Marcora”
di Piacenza
Servizio di receptionist a cura degli studenti dell’Istituto
“Casali” di Piacenza
Per gli insegnanti è prevista l’autorizzazione alla partecipazione
in orario di servizio e verrà rilasciato attestato valido ai fini della
formazione in servizio dei docenti e dell’utilizzo del bonus docenti
in quanto l’Istituto fa parte dell’Istituto Nazionale “Ferruccio
Parri” (ex INSMLI), riconosciuto quale Ente accreditato alla
formazione presso il Miur con DM 25.05.2001, rinnovato con DM
prot. 10962/08.06.2005 ed inserito nell’elenco degli Enti accreditati
annesso alla Direttiva MIUR 170/2016 (http://www.istruzione.
it/allegati/2016/23_11_16_Elenco_enti_accreditati_e_qualificati.
pdf) nelle more della conclusione della procedura di
conformazione prevista.
In base alla normativa ministeriale, il rimborso dell’iscrizione
sarà erogato a seguito di specifica rendicontazione dalle scuole
di appartenenza, fino a quando non verrà reso disponibile l’utilizzo
diretto del “borsellino elettronico”, previa acquisizione
dell’identità digitale SPID (http://www.spid.gov.it/richiedi-spid)
e il parallelo completamento dell’elenco degli Enti accreditati
sulla Piattaforma digitale ministeriale.
Per meglio organizzare la ricezione dei partecipanti e l’allestimento
del buffet di venerdì 10 marzo, si consiglia di effettuare l’iscrizione al
Convegno utilizzando il modulo riportato in fondo all’opuscolo da
inviare a istitutostoricopiacenza@gmail.com.
donne@uomini.it
5° Convegno nazionale
sull’insegnamento della storia nell’era digitale
9 10 11 marzo 2017
7
Programma
9 10 11 marzo 2017
8
9
9 marzo 2017, ore 15:00 - 19:30
La storia di genere
Coordina Luigi Cajani
(Università “La Sapienza” di Roma)
14:00 Registrazione dei partecipanti
15:00 Saluti delle autorità
Carla Antonini (Istituto Storico di Piacenza)
Presentazione del convegno
15:30 Interventi
Elisabetta Vezzosi
Genere e Storia: nuove prospettive di ricerca nelle
riflessioni della Società Italiana delle Storiche.
Alessandro Bellassai
La storia del genere maschile tra paradossi e rimozioni
16.45-17:15 Intervallo
Annabella Gioia
Immagini e presenze femminili nell’Archivio dell’Istituto
Luce
Annalisa Cegna
Donne tra internamento e deportazione durante
la Seconda guerra mondiale
Dibattito
10
10 marzo 2017, ore 9:00 - 13:30
Virilità e femminilità: cronache dal Novecento
Coordina Isabella Insolvibile
(Comitato scientifico Istituto nazionale “Ferruccio Parri”)
08:30 Registrazione dei partecipanti
09:00 Interventi
Elda Guerra
Femminismo e femminismi: nuove storie, differenti
lessici.
Pier Paolo Poggio
Virilità e femminilità nell’iconografia del movimento
operaio: la frattura della prima Guerra
mondiale
Michela Ponzani
Scelte di libertà. Donne italiane tra antifascismo,
Resistenza e Repubblica
11:15-11:45 Intervallo
Ilaria La Fata
Escluse. Donne e istituzioni manicomiali
Antonio Prampolini
Le donne nella storia secondo Wikipedia: un viaggio
curioso tra le voci dell’edizione italiana dell’enciclopedia
13:30 Pranzo a buffet offerto ai partecipanti presso la
sede del Convegno
11
10 marzo 2017, ore 14:30 - 19:00
Donne e comunicazione di massa
Coordina Carla Marcellini
(CdA Istituto nazionale “Ferruccio Parri”)
14:30 Interventi
Chiara Cretella
La violenza di genere. Una “grande narrazione”
dall’antichità ai mass media
Margherita Becchetti
“Sarò la tua birra”. Bellezza femminile, ruoli di genere
e pubblicità negli anni del boom economico
Cesare Grazioli
Le donne di Carosello, per vent’anni il programma
più amato dagli italiani
16:45 - 17:45 Intervallo
Michela Cerocchi
I luoghi delle donne a Parma. Itinerari urbani
tra storia, memoria e linguaggi
Rossella Ghighi
Il genere nell’epoca della sua riproducibilità mediatica
Dibattito
12
11 marzo 2017, ore 9:00 - 13:00
Memorie, risorse e narrazioni digitali
Coordina Marcello Flores
(Direttore scientifico Istituto nazionale “Ferruccio
Parri”)
08:30 Registrazione dei partecipanti
09:00 Interventi
Catia Papa
Narrazioni nazionali e cittadinanza femminile
Antonio Brusa
Storia di genere, storia del mondo.
Problemi di insegnamento
10:30-11:00 Intervallo
Vanessa Roghi
Un archivio per la storia delle donne. Le teche Rai
Saveria Capecchi
Ideali di bellezza e presentazione del Self sulla rete
Conclusioni
13
I RELATORI
MARGHERITA BECCHETTI
Dottore di ricerca in Storia presso l’Università degli Studi di
Parma e ricercatrice del Centro studi movimenti si è occupata
di storia della Resistenza, dell’antifascismo e dei movimenti
sociali e politici tra Italia liberale e Italia repubblicana.
Attualmente si occupa di storia delle donne tra fascismo
e Italia democratica, con particolare riguardo alle forme
della rappresentazione femminile. Ha pubblicato, Il futuro
non si cancella (Panozzo, 2015), Fuochi oltre il ponte. Rivolte
a Parma 1868-1915 (Derive Approdi, 2013), L’utopia della concretezza.
Vita di Giovanni Faraboli, socialista e cooperatore
(Clueb, 2012), Il teatro del conflitto (Odradek, 2003); è tra gli
autori dei volumi Una stagione di fuoco (Fedelo’s, 2015), Il ’68
diffuso (Clueb 2009) Parma dentro la rivolta (Punto Rosso,
2000), Nella rete del regime (Carocci, 2004) e tra i curatori del
testo di Nanni Balestrini, Parma 1922. Una resistenza antifascista
(DeriveApprodi, 2002).
ALESSANDRO BELLASSAI
Laureato in Storia contemporanea all’Università di Bologna,
con lode e dottore di ricerca in Storia contemporanea all’Università
di Torino.
Ricercatore confermato presso il Dipartimento di interpretazione
e traduzione, Università di Bologna - sede di Forlì,
titolare dei corsi di Storia dell’Europa contemporanea, Storia
di genere. Fra i principali ambiti di ricerca: la storia delle culture
politiche in epoca contemporanea, la storia di genere, la
storia della mascolinità.
Ha pubblicato: Genere e mascolinità. Uno sguardo storico,
(curatela, con Maria Malatesta):, Bulzoni, Roma, 2000; La
morale comunista. Pubblico e privato nella rappresentazione
del Pci (1947-1956), Carocci, Roma 2000 (Premio Sissco
2001); La mascolinità contemporanea, Carocci, Roma, 2004;
La legge del desiderio. Il progetto Merlin e l’Italia degli anni
Cinquanta, Carocci, Roma, 2006; L’invenzione della virilità.
14
Politica e immaginario maschile nell’Italia contemporanea,
Carocci, Roma, 2011.
Antonio Brusa
Ha insegnato a lungo didattica della storia alle Università di
Bari e di Pavia e ha fatto ricerca didattica, teorica e concreta,
in molte parti d’Italia e in qualcuna d’Europa. Attualmente,
cura la sezione didattica del Criat (il centro interuniversitario
pugliese per lo studio del territorio); fa parte del comitato
scientifico dell’Istituto nazionale “Ferruccio Parri”, con il
compito di organizzare la didattica degli istituti e di dirigere
la rivista “Novecento.org”.
I suoi contributi didattici vengono man mano pubblicati su
www.historialudens.it.
Saveria Capecchi
è professoressa associata presso il Dipartimento di Scienze
politiche e sociali dell’Università di Bologna ove insegna
“Sociologia della comunicazione multimediale” e “Media
digitali e genere” e coordina il corso di Laurea magistrale
“Comunicazione pubblica e d’impresa”.
Ha scritto libri e saggi e svolto numerose ricerche sui seguenti
temi: gender e media, effetti e usi sociali dei media,
Audience Studies, Media Education, comunicazione politica.
Tra le sue pubblicazioni su “gender e media” si segnalano
le seguenti: Identità di genere e media, Carocci, Roma, 2006;
con Ruspini E. (a cura di), Media, corpi, sessualità. Dai corpi
esibiti al cyber sex, Franco Angeli, Milano, 2009; “Il corpo
erotizzato delle donne negli spot pubblicitari e nelle riviste
di moda femminile”, in “Polis” 2/2011, pp. 393-417; “Donne
politiche sulla scena dei media”, in “Problemi dell’informazione”,
n.3/2015, pp. 527-548.
Annalisa cegna
È direttrice scientifica dell’Istituto storico di Macerata. Ha
al suo attivo diverse pubblicazioni aventi per oggetto tematiche
inerenti la storia rurale e la storia delle donne. Con
particolare riferimento all’argomento oggetto dell’intervento
si segnalano i seguenti lavori: “L’internamento femminile
nelle Marche durante la Seconda guerra mondiale”, in E.
15
Bressan, A. Cegna, M. Pentucci (a cura di), Storie di donne e
di uomini tra internamento e Resistenza nelle Marche; “L’internamento
civile fascista in provincia di Macerata”, in C.
Ferranti (a cura di), Carissimi Primo, Anne ed Elie, Eum, Macerata,
2016; “Di dubbia condotta morale politica. L’internamento
femminile in Italia durante la Seconda guerra mondiale”,
in “Deportate, esuli, profughe”, n. 21, 2013.
Michela Cerocchi
Si è laureata in Scienze storiche presso l’Università di Bologna
con una tesi sul corpo femminile e sulla violenza sessuale
negli anni Settanta.
Ha pubblicato «Puttana, bugiarda, mitomane». La violenza
sessuale va in tv, in «Zapruder» (2015), ed è tra le autrici di
Sulle ali della vittoria. Renato Brozzi e la memoria della grande
guerra a Traversetolo (2016). Da alcuni anni svolge laboratori
e corsi di formazione nelle scuole primarie e secondarie
di primo e secondo grado.
chiara cretella
Dottorata in Italianistica, è Assegnista di Ricerca il Dipartimento
di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna
e fa parte del CSGE-Centro studi sul genere e l’educazione
del medesimo dipartimento. È autrice di numerosi saggi di
ambito letterario, artistico e sociologico. Collabora con la
Casa delle donne per non subire violenza di Bologna, per cui
ha ideato e curato sei edizione del Festival “La violenza illustrata”.
Lavora nella promozione di una cultura di genere,
anche a livello internazionale: nel 2013 con il Bando Marco
Polo ha svolto un soggiorno di ricerca presso il Centre d’études
féminines et d’études de genre dell’Università Paris VIII
e nel 2017 presso il Màster en Gènere i Comunicació dell’Universitat
Autònoma di Barcellona.
Rossella Ghighi
è professoressa associata in Sociologia presso l’Università
di Bologna, dove insegna Sociologia della famiglia e delle
differenze di genere. I suoi interessi di ricerca hanno sempre
avuto come filo conduttore la dimensione di genere e
spaziano dalla sociologia della bellezza e della discrimina16
zione estetica alla costruzione sociale della mascolinità e
della femminilità, alla partecipazione politica, allo studio
del sessismo, ostile o benevolo, nei contenuti mediatici. è
autrice di saggi sulla chirurgia estetica (Per Piacere. Storia
culturale della chirurgia estetica, edito da Il Mulino, 2008) e
sulla socializzazione al genere in adolescenza (Adolescenti
e differenze di genere, a cura di, Carocci, 2012) e di numerosi
articoli su corpi, genere e mass-media.
ANNABELLA GIOIA
Già docente di Storia e Filosofia nei licei, ha ricoperto,
dall’ottobre 1996 al marzo 2016, la carica di direttore scientifico
dell’Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo
alla Resistenza, attualmente è membro del suo Comitato Direttivo.
Ha svolto attività di ricerca didattica, di formazione,
di progettazione e realizzazione di convegni e seminari.
Le sue pubblicazioni e le sue ricerche hanno riguardato in
particolare l’insegnamento della contemporaneità, la storia
delle donne, il rapporto tra storia e memoria.
Ha pubblicato il volume Donne senza qualità. Immagini
femminili nell’Archivio storico dell’Istituto Luce, FrancoAngeli,
2010.Fa parte del Comitato scientifico dell’associazione
“Arte in memoria”.
CESARE GRAZIOLI
Laureato in Storia contemporanea, è docente di Filosofia e
Storia presso l’IIS “B. Pascal” di Reggio Emilia. Svolge dagli
anni Novanta attività di ricerca e di sperimentazione nel
campo della didattica della storia, sia con la progettazione
e la conduzione di conferenze, seminari, corsi di formazione
e laboratori per docenti di storia in tutta Italia (per oltre
un migliaio di ore di conduzione, prima presso l’Istoreco di
Reggio Emilia, poi da docente in servizio), sia con pubblicazioni
di storia e di didattica della storia:
- una dozzina di libri e saggi brevi su diversi argomenti di
storia del Novecento;
- le successive edizioni (dal 1996 al presente) del primo volume
del libro di testo di storia per il Biennio della SEI: Le rane
e lo stagno, Chronos, La clessidra e la bussola, etc.
- una cinquantina di articoli e saggi brevi di didattica della
storia su varie riviste specializzate.
17
ELDA GUERRA
Ha svolto attività di ricerca e formazione degli insegnanti
presso il Laboratorio Nazionale di Didattica della Storia
e presso la Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento
Secondario dell’Università di Bologna, dove ha insegnato
Didattica della storia. Tra le fondatrici del Centro di Documentazione,
Ricerca e Iniziativa delle Donne di Bologna e
dell’Associazione Orlando ha curato progetti di ricerca in
ambito nazionale ed europeo e, attualmente, è la responsabile
scientifica dell’Archivio di storia delle donne. Storica
dell’età contemporanea, ha focalizzato i suoi studi sulla storia
politica delle donne e dei loro movimenti. Tra le sue numerose
pubblicazioni segnaliamo i volumi Storia e cultura
politica delle donne, Archetipo, 2008; Il dilemma della pace.
Femministe e pacifiste sulla scena internazionale 1914-1939,
Viella 2014 e il saggio Il dialogo con la Società delle Nazioni in
Stefania Bartoloni (a cura di), La Grande guerra delle italiane,
Viella, 2016.
ILARIA LA FATA
Dottore di ricerca in Storia presso l’Università di Parma e
archivista, è ricercatrice del Centro studi movimenti di Parma.
Si è occupata di antifascismo e Resistenza parmense e
nazionale nei volumi La resistenza contesa. Memoria e rappresentazione
dell’antifascismo nei manifesti politici degli
anni settanta, (con D. Melegari, Punto Rosso, 2004), Nella
rete del regime (Carocci, Milano 2004) e Una stagione di fuoco.
Fascismo guerra resistenza nel parmense (Fedelo’s, Parma
2015). Da diversi anni si dedica allo studio della storia
della psichiatria e delle istituzioni totali: sull’argomento ha
pubblicato Follie di guerra. Medici e soldati in un manicomio
lontano dal fronte 1915-1918 (Unicopli, Milano 2014), Una comunità
ai margini. Militari e civili nel manicomio di Colorno
(in Fronti interni. Esperienze di guerra lontano dalla guerra
1914-1918, a cura di M. Ermacora, F. Ratti e A. Scartabellati,
Esi, 2014); Malati di lager. Le immagini dei manicomi negli
anni Sessanta (in Paradigma lager. Vecchi e nuovi conflitti
del mondo contemporaneo, a cura di S. Casilio, L. Guerrieri,
A. Cegna, Clueb 2010); il video documentario L’ordine della
follia (con M. Adorni e M. Becchetti, Parma 2009). Fa parte
della redazione di «Zapruder. Storie in movimento».
18
CATIA PAPA
è ricercatrice di Storia contemporanea. Ha conseguito il dottorato
di ricerca in Storia dell’Italia contemporanea presso
l’Università degli Studi Roma Tre (2003) con una tesi sull’associazionismo
giovanile nell’Italia liberale, tema ripreso e
approfondito in chiave comparativa nel corso di soggiorni
a Parigi e a Londra, quest’ultimo con una borsa di studio
dell’Accademia dei Lincei – British Academy (2007). Ha svolto
attività didattica e di ricerca presso gli Atenei italiani di
Salerno, dell’Aquila, della Tuscia, di Tor Vergata e Roma Tre,
mentre da oltre un decennio collabora quale ricercatrice
con la Fondazione Lelio e Lisli Basso.
I suoi interessi di studio spaziano dalla storia delle culture
e dei movimenti giovanili, alla storia del primo movimento
femminista e del neofemminismo degli anni Settanta,
alla storia dei movimenti ambientalisti tra anni Settanta
e Ottanta. Ha pubblicato: Intellettuali in guerra. «L’Azione»
1914-16, FrancoAngeli, Milano 2006; curatela (con Marco Fincardi)
del numero monografico Movimenti e culture giovanili,
«Memoria e Ricerca», 25(2007); Sotto altri cieli. L’Oltremare nel
movimento femminile italiano (1870-1915), Viella, Roma 2009;
curatela (con Teresa Bertilotti ed Elisabetta Bini) del numero
monografico Attraversare i confini. Pratiche culturali e politiche
del femminismo italiano, «Genesis», X/2 (2011); L’Italia giovane
dall’Unità al fascismo, Laterza, Roma-Bari 2013.
PIER PAOLO POGGIO
è direttore della Fondazione “Luigi Micheletti” e direttore
generale del Museo dell’Industria e del Lavoro di Brescia.
Tra le innumerevoli attività didattiche e scientifiche svolte
dalla fine degli anni Settanta a oggi, ne ricordiamo alcune:
è stato membro della Commissione Ministeriale per la valorizzazione
della cultura scientifica e storico-scientifica
e del Comitato Nazionale per lo studio, la tutela e la diffusione
della cultura scientifica e storico-scientifica presso il
M.I.U.R.
L’interesse per la storia della tecnica e dell’ambiente si è concretizzato
nelle pubblicazioni: Una storia ad alto rischio.
L’Acna e la Valle Bormida, Edizioni Gruppo Abele, Torino,
1996; La crisi ecologica. Origini, rimozioni, prospettive, Jaca
Book, Milano, 2003; (con M. Ruzzenenti), Il caso italiano. Industria,
chimica e ambiente, Jaca Book, Milano 2012 nonché
con la promozione, presso la Fondazione Luigi Micheletti,
19
del Centro per la storia dell’ambiente e la relativa rivista on
line: “altronovecento. Ambiente tecnica e società” (1999…..).
Coordina la pubblicazione dell’opera: L’Altronovecento. Comunismo
eretico e pensiero critico, coedizione Fondazione
Micheletti – Jaca Book, Milano 2010 e sgg. (4 volumi pubblicati).
Per Jaca Book ha ideato, con M. Guidetti, la Storia d’Italia e
d’Europa, 10 tomi, Milano, 1978-1985, scrivendone numerosi
capitoli. Sempre presso la Jaca Book ha realizzato con C. Simoni
l’opera divulgativa in sei volumi: Ottocento e Novecento.
Società – Tecniche – Ambiente, Milano, 2001-2002.
Si è occupato di storia locale, di storia dell’ambiente e del territorio
pubblicando saggi e articoli metodologici in particolare
sulla zona dell’Appennino ligure-piemontese.
MICHELA PONZANI
è storica, scrittrice e conduttrice televisiva. Laureata in Lettere
con lode all’Università di Roma La Sapienza, ha conseguito
il Dottorato di ricerca in “Studi storici per l’età moderna
e contemporanea”all’Università degli Studi di Firenze.
Già borsista della Fondazione “Luigi Einaudi” di Torino e
ricercatrice dell’Istituto storico germanico in Roma, ha fatto
parte del gruppo di ricerca della Commissione storica bilaterale
italo-tedesca (Deutsch-italianische Historikerkommission),
istituita dai Ministeri degli Affari Esteri della Repubblica
italiana e della Repubblica Federale di Germania.
Nominata consulente dell’Archivio storico del Senato della
Repubblica, è stata Visiting Fellow presso il Remarque Institute
della New York University.
Attualmente conduce il programma televisivo “Il tempo e la
Storia”, in onda ogni giorno su Rai 3 e su Rai Storia.
ANTONIO PRAMPOLINI
è uno studioso di storia contemporanea, con un particolare
interesse per il Web e la storiografia digitale. Ha svolto in
passato attività di ricerca presso la Fondazione Luigi Einaudi
di Torino e l’Istituto di Storia Europea dell’Università di
Magonza (Germania).
Ha pubblicato articoli su diverse riviste (Studi Storici, Società
e storia, Italia contemporanea) e collabora abitualmente
con <novecento.org> e con l’ISREC di Piacenza.
20
VANESSA ROGHI
Vanessa Roghi è autrice di documentari storici per Rai Tre.
Insegna “Storia e visuali” alla Sapienza di Roma e “Storia
della Televisione” a Roma 3. Si occupa di didattica della storia
e da anni tiene corsi per gli insegnanti sul rapporto fra Tv
e storia.
Sul tema dell’intervento si rimanda a, Televisione. Storia, immaginario,
memoria, a cura di V. Roghi e D. Garofalo, Rubbettino,
2015; Da signore a donne, in P. Cavallo, Penso che un
sogno così non ritorni mai più, Liguori, 2016.
ELISABETTA VEZZOSI
Insegna Storia degli Stati Uniti d’America e Storia delle Donne
e di Genere all’Università di Trieste, dove coordina il dottorato
inter-ateneo “Storia delle società, delle istituzioni e
del pensiero. Dal Medieovo all’Età Contemporanea”. È Presidente
dell’Associazione Italiana di Studi Nordamericani e
membro della redazione della rivista “Contemporanea”.
Tra le sue pubblicazioni: (con Raffaella Baritono) la cura di
Oltre Il secolo Americano? Gli Stati Uniti prima e dopo l’11 settembre
(Roma, Carocci, 2011); Gender, Generations, Leadership,
“The Journal of American History” (dicembre 2012); Tra
diritti e sviluppo: le italiane, l’Europa, il mondo, in E. Asquer,
E. Bernardi e C. Fumian, L’Italia contemporanea dagli anni
Ottanta a oggi. II Il mutamento sociale (Roma, Carocci, 2014,
pp. 119-135), Scienziati statunitensi tra distensione e diritti
umani: la Committee of Concerned Scientists negli anni Settanta,
“Contemporanea” (XIX, 3, luglio-settembre 2016, pp.
419-435).
21
LE RELAZIONI
MARGHERITA BECCHETTI
“Sarò la tua birra”. Bellezza femminile, ruoli di genere e pubblicità
negli anni del boom economico
Gli anni del boom economico furono tra quelli che maggiormente
posero le premesse per una radicale messa in discussione
del modello femminile tradizionale e del ruolo delle
donne nella società italiana.
La grande trasformazione che coinvolse la quotidianità di
migliaia di persone ebbe effetti non secondari anche sulla
percezione che le donne maturarono di sé e della propria
funzione sociale, e sullo spazio che iniziarono a conquistarsi
in una società ancora fortemente dominata e condizionata
da una cultura maschilista e tradizionalista. Cultura che,
mentre la società mutava progressivamente, sopravviveva
nei modelli mediatici di donna “tutta casa e famiglia” che tv
e stampa continuavano a divulgare, sebbene declinati sempre
più sui nuovi stili di vita domestica urbana.
L’esaltazione dei consumi domestici, dei nuovi elettrodomestici
e della vita di casa, infatti, trovava ampio spazio nelle
riviste femminili e nella pubblicità e ben si coniugava con
la vita casalinga che ancora molte donne si limitavano a
svolgere. Ma è anche vero che, soprattutto nella nuova generazione
che crebbe negli anni del boom, già nei primi anni
Sessanta presero a manifestarsi gesti, atteggiamenti, stili di
vita, sogni e desideri che si ponevano in forte rottura con l’esistente
e i modelli culturali dominanti.
Le trasformazioni che via via coinvolsero la famiglia, i divertimenti,
i consumi e le abitudini sessuali vennero immediatamente
intercettati dalla società dei consumi che iniziò a
utilizzare il corpo femminile - progressivamente più svestito
e eroticamente provocante - come eccezionale veicolo di
propaganda commerciale.
ALESSANDRO BELLASSAI
La storia del genere maschile tra paradossi e rimozioni
La storia degli uomini è (anche) una storia di genere. Le di22
namiche storiche delle mascolinità, tuttavia, presentano
aspetti in parte diversi da quelle delle identità e dei ruoli
femminili: è la stessa posizione del potere, innanzitutto, un
potere arbitrario e artificiale, a produrre una configurazione
dell’identità maschile che, mentre promette agli uomini
privilegi e attributi legati alla supremazia, al contempo li
costringe a tortuosi processi di definizione della mascolinità
egemone in cui – inevitabilmente – non possono trovare
spazio contraddizioni, vulnerabilità, indeterminatezze
identitarie. Nella contemporaneità, le nuove libertà delle
donne e l’inedito abbandono della tradizione come unico
orizzonte etico-normativo fanno progressivamente emergere,
e rendono quindi universalmente e irreversibilmente
evidenti, le rimozioni e i paradossi identitari che si erano resi
necessari per proteggere nel nuovo scenario moderno le gerarchie
legate al dominio maschile, nonché la stessa integrità
del mito politico della virilità (tanto sul piano individuale,
quanto su quello sociale e collettivo). Si giunge così al punto,
alla fine del millennio, che “invisibilità”, ortodossia severa,
costante tensione verso un modello virile impossibile nella
realtà personale e deleterio nello scenario pubblico cessino
di apparire valori irrinunciabili, per diventare agli stessi occhi
di molti uomini anacronismi, disvalori, codici e ruoli che
non rendono affatto migliore le vite concrete degli uomini,
né le forme reali della convivenza umana. Il virilismo però
appare ancora, agli occhi di tanti, l’unico approdo sicuro
della mascolinità culturalmente tramandato; e l’apparente
impossibilità di seppellire quel sistema identitario sessuato,
che pure si riconosce come storicamente trapassato, in fondo
non è che l’ultimo paradosso della sua storia.
ANTONIO BRUSA
Storia di genere, storia del mondo. Problemi di insegnamento
Come conciliare due storiografie, quella di genere e quella
mondiale, nate in contesti diversi e spesso con retroterra
culturali opposti? e come trovare, in questo incontro, dei
motivi e dei temi utili al docente di storia, che lo aiutino a
riflettere sul senso del suo lavoro e che, al tempo stesso, gli
forniscano spunti operativi concreti? Le risposte a queste
domande richiedono, a mio modo di vedere, ancora molto
lavoro di ricerca. Ma, al momento, qualche risposta parziale
si può tentare.
23
SAVERIA CAPECCHI
Ideali di bellezza e presentazione del Self sulla Rete
A partire dagli anni ‘70 del Novecento nelle società occidentali
i media diffondono un ideale di bellezza femminile
destinato a durare nel tempo: l’ideale della snellezza. Un
ideale inizialmente associato alla “modernità”, al lavoro
femminile, che simbolicamente rimanda allo sganciamento
delle donne dall’ideale della maternità inteso come unico
obiettivo di vita. Via via si associano alla bellezza femminile
anche il concetto di “giovinezza” e di “attrattività sessuale”.
Negli anni ’80 anche l’ideale di bellezza maschile si tinge
di erotismo: il corpo tonico e muscoloso degli uomini nelle
pubblicità viene denudato a causa dell’espansione del mercato
della cosmesi maschile. Oggi l’erotizzazione dei corpi
rappresentati dai media sia tradizionali che digitali riguarda
ogni fascia d’età, razza, etnia, condizione sociale (dalle
baby-modelle e ai baby-modelli alle soldatesse curde e alla
classe politica).
L’interrogativo che poniamo in questo intervento è il seguente:
data questa premessa, come ci presentiamo online
nei vari blog e social network (pensiamo soprattutto ai giovani
se non ai “nativi digitali” che abitano con grande disinvoltura
la Rete)? Nella società dell’immagine, ancora più che
dell’informazione, l’aspetto esteriore è diventato un elemento
fondamentale su cui puntare anche per trovare lavoro.
Sono due a questo proposito gli aspetti che si possono evidenziare:
innanzitutto una forte omologazione nelle scelte
di presentazione del Self in linea con gli ideali di bellezza
dominanti e dunque l’appiattimento del Self allo spettacolo
del corpo offerto a un pubblico potenzialmente illimitato
che si vuole attrarre alla stregua di un mass medium al fine
di ottenere successo; d’altro canto si assiste al tentativo del
sistema dei media di eludere le accuse di veicolare ideali di
bellezza irraggiungibili, stereotipi di genere, contenuti sessisti
attraverso l’adozione di un “femminismo addomesticato”
che inneggia all’Empowerment del Self: come recita un noto
slogan pubblicitario rivolto al pubblico femminile, mi faccio
bella (adeguandomi ai diktat del mercato e al desiderio/
sguardo maschile) “perché io valgo”.
24
MICHELA CEROCCHI
I luoghi delle donne a Parma. Itinerari urbani tra storia, memoria
e linguaggi multimediali
L’intervento presenterà il progetto “La città delle donne”, cui
il Centro studi movimenti di Parma sta lavorando in questi
mesi e che sarà inaugurato nella primavera 2017. Si tratta di
un percorso di valorizzazione urbana della storia femminile
tramite la costruzione di itinerari che individuano e segnano
alcuni luoghi della città particolarmente significativi: in 10 di
questi verranno dislocati 10 pannelli cui si connetteranno –
tramite QRcode - web app per smartphone o tablet ricche di
materiali eterogenei e scaricabili. Si tratta quindi di dislocare
in strada - e ben visibili - i segni del protagonismo di alcune
donne che, nonostante il maschilismo patriarcale che
ha caratterizzato buona parte della storia italiana, sono state
in grado di divenire cittadine attive del loro tempo e di contribuire
al cambiamento sociale, nella convinzione che riportare
in strada, in mezzo alle case e ai passanti, le loro voci e i
loro vissuti possa essere un bel modo per rivendicare spazio
e dignità al mondo femminile e per proporre, in quest’epoca
di femminicidi e di violenza, modelli di donne tutt’altro che
subalterni.
Il progetto è nato anche dalle riflessioni sulla public history
maturate in questi ultimi anni all’interno del Centro studi
movimenti, grazie alle quali si cerca di coniugare ricerca storica
e divulgazione ma anche di restituire spessore e senso
storico alle città nelle quali viviamo.
ANNALISA CEGNA
Donne tra internamento e deportazione durante la Seconda
guerra mondiale
Durante la Seconda guerra mondiale il fascismo relegò a
vario titolo un numero considerevole di donne in appositi
campi di internamento.
Il presente intervento intende descrivere le strutture che
ospitarono esclusivamente persone di sesso femminile. Si
interroga, inoltre, su chi furono queste donne, sulle ragioni
per cui furono internate, e su cosa comportò per loro il
totale sradicamento dalla vita abituale. Se molte vissero la
segregazione come una parentesi, per altre fu l’inizio di una
vita diversa, per sempre separata da quella che avevano condotto
in precedenza. Per alcune, infine, fu il principio di una
25
“discesa agli inferi” che le avrebbe condotte alla deportazione
nel Reich e, quasi sempre, alla morte.
CHIARA CRETELLA
La violenza di genere.
Una “grande narrazione” dall’antichità ai mass media
L’archeologia dell’immagine culturale della violenza va
analizzata nel profondo, per comprendere dove affondi il
suo humus: l’estetizzazione della violenza (foriera di morte)
è anche un’ambigua spinta propulsiva verso la pulsione di
vita, mediante la sua erotizzazione: è questo meccanismo
che ne permette la sopravvivenza culturale. Ma se la vulgata
dell’amore fusionale è diventata così parte del nostro immaginario
culturale e mediatico vi sono delle ragioni profonde,
che bisogna comprendere nel dettaglio per scardinare
modelli relazionali e di genere che perdurano da secoli. Da
sempre si parla di raptus (anche se sappiamo che il raputs
non esiste) rispetto ai femicidi che sono invece l’esito di un
continuum della violenza piuttosto che un evento a carattere
singolare.
La gelosia compulsiva e l’amore come giustificazione della
violenza, compaiono ancora oggi nella narrazione mediatica:
spesso ci si trova di fronte a pezzi giornalistici che sembrano
titoli della commedia all’italiana o esercizi di horrorsplatter
piuttosto che testi informativi su fatti realmente
accaduti, dove il diritto di cronaca è confuso con lo sciacallaggio
e la morbosità: questo perché la realtà è ridotta a fiction,
si punta alla pornografia dei sentimenti, sulla mancanza
di rispetto per le vittime e i familiari, sull’erotizzazione
feticistica dei cadaveri.
Col trattamento mediatico dal romanticismo si scivola nel
romanticinismo: la volontà di sapere è la morbosa estensione
della volontà di potenza con cui le istituzioni controllano
e disciplinano gli individui e manipolano non solo l’opinione
pubblica ma anche il sentire collettivo. Così, assuefacendoci
ogni giorno alla violenza e alle immagini cruente, la
soglia di ciò che è socialmente accettabile e rappresentabile
si alza fino a coincidere con i muri di un pericoloso panopticon
da Grande fratello.
La mia relazione, a partire dal libro “Effetto Medusa”, andrà
ad indagare questi aspetti dell’immaginario, anche collegandoli
ad un archivio della memoria culturale che affon26
da le sue radici in epoche apparentemente lontane come il
nostro Rinascimento. La condizione femminile come exemplum
della “perfetta vittima” attraversa i secoli e le culture,
per arrivare fino alle soglie della nostra contemporaneità,
segnata dal monarchia assoluta dell’immagine.
ROSSELLA GHIGHI
Il genere nell’epoca della sua riproducibilità mediatica
I contenuti mediatici riproducono spesso tradizionali stereotipi
di genere. Al tempo stesso, il genere, inteso come insieme
di significati, ruoli e aspettative che ruotano attorno
all’essere uomini o donne in una società, viene a sua volta
prodotto quotidianamente anche dai contenuti mediatici.
L’incontro esplora l’intreccio di queste dinamiche attraverso
una griglia di analisi dei contenuti mediatici (dalle pubblicità
ai programmi televisivi) con la finalità di presentare
degli strumenti utili a un approccio critico e consapevole ai
media.
ANNABELLA GIOIA
Immagini e presenze femminili nell’Archivio dell’Istituto Luce
Nel rivisitare i cinegiornali Luce si può comprendere tutta la
portata di uno strumento al servizio del regime, uno strumento
che registrava riti e simboli dell’ideologia fascista. Le
scarse presenze femminili nei filmati rientrano, e trovano
ragione, nei modelli elaborati dal regime che prevedevano
per le donne ruoli subalterni e tradizionali, funzionali all’interesse
dello Stato e alla sua politica demografica. Ogni occasione
di visibilità, individuale o collettiva, appare infatti
controllata per evitare contrasti con i modelli femminili del
fascismo, anche se la mobilitazione della “nuova italiana”
nelle organizzazioni di massa del partito è ormai una realtà.
Questa contraddizione tra tradizione e presenza pubblica
delle donne attraversa la storia del regime, è l’immagine
di un conflitto irrisolto tra ansia di modernità e richiamo al
passato.
Nel dopoguerra il giornalismo cinematografico riprende
con la Settimana Incom che dal 1946 al 1965 racconta l’Italia
repubblicana. Rispetto al Luce non è molto diverso il suo
intento divulgativo, anche se non ci sono più i toni dei filmati
propagandistici del regime. E’ un tipo di giornalismo con
27
implicita vocazione filogovernativa che lascia in secondo
piano gran parte della società. Fino al 1954, in assenza della
televisione, è la Incom a produrre immagini di una “Italia in
cammino”, ma con il diffondersi del mezzo televisivo inizia
un percorso che la porterà a perdere il suo ruolo e a scomparire.
CESARE GRAZIOLI
Le donne di Carosello, per vent’anni il programma più amato
dagli italiani
I vent’anni di Carosello accompagnarono la grande trasformazione
dell’Italia in una moderna società industrialeurbana,
basata sulla diffusione dei consumi di massa e su
profondi mutamenti dei costumi. Tra questi mutamenti,
uno dei più rilevanti riguarda l’immagine, o meglio le molte
immagini della donna che Carosello proponeva.
ELDA GUERRA
Femminismo e femminismi: nuove storie, differenti lessici
Al centro dell’intervento sarà la nascita e il diffondersi, nel
corso degli anni Settanta e Ottanta, del movimento delle
donne sul piano internazionale e nel contesto nazionale.
La ricostruzione storica delle elaborazioni e delle pratiche
si accompagnerà alla focalizzazione sugli esiti dell’emergere
di una differente soggettività nelle rappresentazioni e
nei linguaggi.
ILARIA LA FATA
Escluse. Donne e istituzioni manicomiali
Attraverso alcune immagini tratte da manuali di psichiatria
e cartelle cliniche, l’intervento affronterà il tema delle donne
internate in manicomio lungo il corso del Novecento, a
partire dall’istituzione in Italia degli ospedali psichiatrici
provinciali. L’obiettivo è di analizzare da un lato stereotipi
e modelli vigenti anche dentro l’istituzione manicomiale,
dall’altro, le discontinuità prodotte dai mutamenti della
“rivoluzione” psichiatrica degli anni Sessanta e Settanta.
Ci si concentrerà anche sul medesimo trattamento riservato
a ricoverati e ricoverate, che già all’ingresso cessavano di
essere persone per trasformarsi unicamente nella patolo28
gia per la quale erano state internate, e sulle specificità più
marcatamente di genere che segnarono la presenza femminile
nei manicomi. Le diagnosi infatti facevano spesso
riferimento a “guasti” nella natura femminile, rivelandone
lombrosianamente la debolezza intrinseca. Questo atteggiamento
iniziò a mutare solo a partire dagli anni Settanta
del Novecento, quando alcuni e alcune iniziarono a ripensare
e a ridefinire forme e modi di trattamento dei pazienti,
che dopo la chiusura dei manicomi furono diversificati anche
secondo il genere, come rivela l’esperienza dei Centri
donna salute mentale.
CATIA PAPA
Narrazioni nazionali e cittadinanza femminile
Il processo di immaginazione delle comunità nazionali, dei
popoli-nazione titolari della sovranità politica, ha richiesto
una loro configurazione in chiave etnica. L’invenzione delle
identità nazionali si è a sua volta affidata alle rappresentazioni
sociali della differenza sessuale e in particolare a una
specifica figura di “donna nuova”, tutrice delle tradizioni
comunitarie e perciò artefice della coesione e del progresso
della famiglia-nazione.
Il genere ha dunque svolto una funzione essenziale nella
definizione dell’ordine nazional-statuale, ovvero nella costruzione
delle donne come soggetti sociali e quindi anche
nella regolamentazione della domanda femminile di inclusione
nella comunità politica. Ciò spiega l’investimento sui
progetti identitari nazionali dei femminismi occidentali otto-
novecenteschi ma anche la loro natura immediatamente
transnazionale: l’esclusione delle donne dalla cittadinanza
politica, il loro confinamento nella sfera della domesticità,
era connaturata alla forma dello Stato-nazione a ogni sua
latitudine.
Il processo qui sommariamente descritto ha avuto una portata
globale: l’espansione del nazionalismo, all’interno o ai
margini degli imperi coloniali, è stata contrassegnata dalla
reinvenzione in ambito locale di spazi di appartenenza in
cui alle donne veniva consegnato il ruolo di interpreti della
civilizzazione nazionale. Una convergenza che ha reso possibile
il difficile incontro tra femminismi occidentali e non
occidentali, nel segno ora del rispecchiamento ora della differenziazione
e del conflitto.
29
PIER PAOLO POGGIO
Virilità e femminilità nell’iconografia del movimento operaio:
la frattura della Prima guerra mondiale
La Prima guerra mondiale viene comunemente indicata
come un momento, o una svolta, nel processo di emancipazione
femminile, in primo luogo per il ruolo delle donne nei
luoghi di lavoro. L’analisi di medio periodo dell’iconografia
femminile prodotta dal movimento operaio internazionale
induce a mettere in discussione tale rappresentazione.
MICHELAPONZANI
Scelte di libertà.
Donne italiane tra antifascismo, Resistenza e Repubblica
Per secoli bottino e preda degli eserciti invasori, nel biennio
della «guerra totale» che si combatte in Italia tra il 1943
e il 1945, le donne si ribellano a quella cultura bellica che
usa lo stupro per umiliare il nemico sconfitto e che le condanna
a un destino di «vittima sacrificale».
Attraverso le lettere e i diari di donne partigiane, la relazione
ricostruisce i percorsi intellettuali, sociali ed emotivi
di una Resistenza che per il mondo femminile fu anzitutto
una «guerra privata», intrapresa per l’emancipazione dalle
discriminazioni e da ogni forma di subalternità sociale e
culturale.
Al di là della retorica della martire antifascista, la lotta
al nazismo e al fascismo di Salò è per le partigiane uno
strappo definitivo con la società patriarcale; la ribellione
a quell’educazione fascista improntata al rispetto delle gerarchie,
fuori e dentro le mura domestiche, che ha ridotto la
donna ad essere «la pietra fondamentale della casa, la sposa
e la madre esemplare».
La scelta di resistere è destinata a sfociare nell’impegno politico
e sociale del secondo dopoguerra. Le donne rivendicano
un nuovo spazio di visibilità e autonomia nella sfera
pubblica, contro tutte le discriminazioni di cui sono oggetto:
nella scuola, nelle professioni, nei rapporti di genere.
Ma i desideri di emancipazione sono condannati a non realizzarsi
pienamente. La conquista del diritto al voto, sancita
col referendum istituzionale del 1946, non si trasforma automaticamente
in una parità nei diritti civili e di famiglia.
Il predominio maschile nella società, nel diritto, nel lavoro,
nella politica e persino nei linguaggi assume un significato
30
ben chiaro: per le donne il 25 aprile 1945 ha segnato una
rivoluzione rimasta a metà.
ANTONIO PRAMPOLINI
Le donne nella storia secondo wikipedia: un viaggio curioso
tra le voci dell’edizione italiana dell’enciclopedia
L’edizione in lingua italiana di Wikipedia contiene non
poche voci dedicate alla presenza delle donne nella storia
dell’umanità. Voci che meritano di essere prese in considerazione
non per la loro qualità storiografica, in generale
assai modesta, ma perché offrono la possibilità di conoscere
come gli “storici dilettanti”, in prevalenza di sesso maschile,
rappresentano, raccontano la condizione e il ruolo
delle donne nel passato, lontano o recente. La relazione,
attraverso un “viaggio curioso” tra le voci dell’enciclopedia
open access, vuole evidenziare l’esistenza di un gender gap
che si manifesta nelle scelte tematiche e nei punti di vista
degli autori-contributori.
Le vaste operazioni di digitalizzazione del patrimonio documentario
e fotografico svolte recentemente offrono un
nuovo strumento ma anche una nuova chiave di lettura
per ricostruire le vicende e i limiti di questo tentativo, illuminante
per capire il rapporto fra dimensione privata e
pubblica della fotografia di guerra nella memoria collettiva
del conflitto.
VANESSA ROGHI
Un archivio per la storia delle donne. Le teche Rai
L’intervento è una riflessione aperta e interlocutoria sulle
fonti televisive per la storia delle donne nel secondo dopo
guerra e sulla possibilità di una didattica sul genere a partire
dalle stesse.
ELISABETTA VEZZOSI
Genere e Storia: nuove prospettive di ricerca nelle riflessioni
della Società Italiana delle Storiche
La storia delle donne e di genere, fin dai suoi inizi negli
anni Settanta, ha continuamente compiuto un lavoro di
ridefinizione di metodologie e interpretazioni, intrecciandosi
con altre discipline e categorie storiografiche.
31
Spaziando dall’antichità all’età contemporanea e, geograficamente,
dall’Italia all’Europa, all’America Latina, al
Medio Oriente, all’Africa, all’Asia, la storia di genere non si
limita a rendere le donne protagoniste della storia, ma discute
i rapporti di potere che influenzano le relazioni tra
individui e tra società, nel passato e nel presente, in ambiti
diversi quali il lavoro, i movimenti sociali, le istituzioni, le
questioni coloniali, le migrazioni.
32
donne@uomini.it
SCHEDA DI ISCRIZIONE
Da compilare e inviare per e-mail entro venerdì 3
marzo 2017 a: istitutostoricopiacenza@gmail.com;
tel e fax 0523 330346
(tutti i campi sono obbligatori)
Nome e cognome ................................................................
Indirizzo di residenza ........................................................
.................................................................................................
Scuola o Ente di appartenenza .........................................
.................................................................................................
Disciplina di insegnamento .............................................
Numero tel. cellulare .........................................................
Indirizzo e-mail ..................................................................
data e firma ...........................................................................
Quota di iscrizione
€ 30,00, da versare direttamente al reference al momento
dell’accreditamento.
Per gli iscritti all’Isrec di Piacenza per l’anno 2017, l’iscrizione
è di 20,00 euro.

Indirizzo: Auditorium della Fondazione, Via Santa Eufemia 12, Piacenza, IT